==Cybersecurity: Profumo,tecnologie essenziali,si deve investire
8 Agosto 2021
Svolta Wall Street, stretta sulla diversità di genere
9 Agosto 2021

Apple scansiona gli iPhone alla ricerca di immagini pedopornografiche

Apple scansiona gli iPhone alla ricerca di immagini pedopornografiche

Apple ha svelato i piani per scansionare gli iPhonealla ricerca di immagini di abusi sessuali su minori, suscitando applausi dai gruppi per la protezione dei bambini ma sollevando la preoccupazione di alcuni ricercatori sulla sicurezza che il sistema possa essere utilizzato in modo improprio dai governi che cercano di sorvegliare i propri cittadini.

Apple ha affermato che la sua app di messaggistica utilizzerà l’apprendimento automatico sul dispositivo per avvisare sui contenuti sensibili senza rendere le comunicazioni private leggibili dall’azienda. Lo strumento che Apple chiama “NeuralHASH” rileverà immagini note di abusi sessuali su minori senza decifrare i messaggi delle persone. Se trova una corrispondenza, l’immagine verrà esaminata da un essere umano che può informare le forze dell’ordine, se necessario.

Ma i ricercatori affermano che lo strumento potrebbe essere utilizzato per altri scopi, come la sorveglianza governativa di dissidenti o manifestanti.

Matthew Green di Johns Hopkins, un importante ricercatore di crittografia, era preoccupato che potesse essere usato per incastrare persone innocenti inviando loro immagini innocue ma dannose progettate per apparire come corrispondenze per pedopornografia, ingannando l’algoritmo di Apple e avvisando le forze dell’ordine – essenzialmente inquadrando le persone. “I ricercatori sono stati in grado di farlo abbastanza facilmente”, ha detto.

Le aziende tecnologiche tra cui Microsoft, Google, Facebook e altre forniscono da anni “liste hash” di immagini note di abusi sessuali su minori. Apple ha anche scansionato i file utente archiviati nel suo servizio iCloud, che non è crittografato in modo sicuro come i suoi messaggi, per tali immagini.

Alcuni dicono che questa tecnologia potrebbe lasciare l’azienda vulnerabile alle pressioni politiche in stati autoritari come la Cina. “Cosa succede quando il governo cinese dice: ‘Ecco un elenco di file che vogliamo che tu scansioni’”, ha detto Green. “Apple dice di no? Spero che dicano di no, ma la loro tecnologia non dirà di no”.

La società è stata messa sotto pressione da governi e forze dell’ordine per consentire la sorveglianza dei dati crittografati. L’elaborazione delle misure di sicurezza ha richiesto ad Apple di compiere un delicato atto di bilanciamento tra la repressione dello sfruttamento dei bambini mantenendo il suo impegno di alto profilo per la protezione della privacy degli utenti.

Apple crede di aver realizzato quell’impresa con la tecnologia che ha sviluppato in consultazione con diversi importanti crittografi, tra cui il professore della Stanford University Dan Boneh, il cui lavoro nel campo ha vinto un Turing Award, spesso chiamato la versione tecnologica del Premio Nobel.

L’informatico che più di un decennio fa ha inventato PhotoDNA, la tecnologia utilizzata dalle forze dell’ordine per identificare la pornografia infantile online, ha riconosciuto il potenziale di abuso del sistema di Apple, ma ha affermato che era di gran lunga superato dall’imperativo di combattere gli abusi sessuali su minori.

L’abuso del sistema è possibile, “ma è qualcosa che mi preoccupa? No”, ha detto Hany Farid, ricercatore presso l’Università della California a Berkeley, che sostiene che molti altri programmi progettati per proteggere i dispositivi da varie minacce non ho visto “questo tipo di missione creep”. Ad esempio, WhatsApp fornisce agli utenti la crittografia end-to-end per proteggere la loro privacy, ma utilizza un sistema per rilevare malware e avvisare gli utenti di non fare clic su collegamenti dannosi.

Apple è stata una delle prime grandi aziende ad abbracciare la crittografia “end-to-end”, in cui i messaggi vengono criptati in modo che solo i loro mittenti e destinatari possano leggerli. Le forze dell’ordine, tuttavia, hanno a lungo esercitato pressioni per l’accesso a tali informazioni al fine di indagare su crimini come il terrorismo o lo sfruttamento sessuale dei minori.

“La protezione estesa di Apple per i bambini è un punto di svolta”, ha dichiarato in una nota John Clark, presidente e CEO del National Center for Missing and Exploited Children. “Con così tante persone che utilizzano i prodotti Apple, queste nuove misure di sicurezza hanno un potenziale salvavita per i bambini che vengono allettati online e le cui immagini orribili circolano in materiale pedopornografico”.

Le informazioni per questo articolo sono state fornite da Mike Liedtke di The Associated Press.

Fonte : https://www.arkansasonline.com/

L’articolo Apple scansiona gli iPhone alla ricerca di immagini pedopornografiche proviene da .