Torna la TRUFFA DELLE TELEFONATE MUTE DALLA TUNISIA con prefisso +216
9 Giugno 2021
La carenza di componenti fa tornare dalla tomba la GT 730
10 Giugno 2021

Phishing: gli hacker cambiano tattica

Phishing: gli hacker cambiano tattica

Con la revoca delle restrizioni lavorative imposte dal COVID-19 e con i dipendenti che iniziano a tornare negli uffici, gli hacker saranno costretti a cambiare tattica. Mentre i lavoratori a distanza sono stati l’obiettivo principale dei truffatori negli ultimi 18 mesi, a causa della migrazione di massa dal lavoro in ufficio al lavoro da casa causa pandemia, una nuova campagna di phishing sta tentando di sfruttare coloro che hanno iniziato a tornare al posto di lavoro fisico.

La campagna basata su e-mail osservata da Cofense, provider di soluzioni di difesa dagli attacchi hacker in generale, sembra rivolgersi ai dipendenti con e-mail che sembrano essere inviate dai relativi manager che li accolgono di nuovo a lavoro.
Le e-mail sembrerebbero abbastanza legittime, con il logo ufficiale dell’azienda nell’intestazione, oltre ad essere firmata e con i dati dei manager. Il corpo del messaggio racconta al dipendente le nuove precauzioni e le modifiche alle operazioni commerciali che l’azienda sta adottando in relazione alla pandemia.

Se un dipendente dovesse essere ingannato dall’e-mail, verrebbe reindirizzato a quella che sembra essere una pagina di Microsoft SharePoint che ospita due documenti con il marchio dell’azienda. “Quando si interagisce con questi documenti, diventa evidente che non sono autentici e sono invece meccanismi di phishing per ottenere le credenziali dell’account”, spiega Dylan Main, analista delle minacce presso il Phishing Defense Center di Cofense.

Tuttavia, se una vittima decide di interagire con uno dei due documenti, viene visualizzato un pannello di accesso che richiede al destinatario di fornire le credenziali di accesso per accedere ai file.
“Questo è raro nella maggior parte delle pagine di phishing Microsoft. Non è mai successo che si tentasse di falsificare la schermata di accesso di Microsoft con l’apertura di pannelli di autenticazione”, ha continuato Main, “dando ai file l’apparenza di essere reali e non reindirizzando a un’altra pagina di accesso, è più probabile che l’utente fornisca le proprie credenziali per visualizzare gli aggiornamenti, fidandosi del contatto”.

Un’altra tecnica utilizzata dagli hacker è l’uso di false credenziali convalidate. Quando le informazioni di accesso vengono inserite nel pannello per la prima volta, verrà visualizzato un messaggio di errore che afferma: “Il tuo account o la tua password non sono corretti”.
“Dopo aver inserito per alcune volte le informazioni di accesso, e quindi verificate e convalidate, il dipendente verrà reindirizzato a una pagina Microsoft effettiva”, afferma Main. “Questo dà l’impressione che le informazioni di accesso vengono ritenute corrette dal sistema e il dipendente ora ha accesso ai documenti di OneDrive. In realtà, l’autore della minaccia ora ha pieno accesso alle informazioni del proprietario dell’account”.

Sebbene questa sia una delle prime campagne di attacchi osservate rivolte ai dipendenti che tornano sul posto di lavoro (i ricercatori del Malware and Vulnerability Research Group di Check Point Software Technologies ne ne hanno scoperto un’altra l’anno scorso), è improbabile che sia l’ultima. Sia Google che Microsoft, ad esempio, hanno iniziato a riaccogliere il personale in sede e la maggior parte dei dirigenti prevede che almeno il 50% dei dipendenti tornerà a lavorare in ufficio entro luglio, secondo un recente studio di PwC, network multinazionale di imprese di servizi professionali, operativo in 158 Paesi, che fornisce servizi di consulenza di direzione e strategica, revisione di bilancio e consulenza legale e fiscale..

“Abbiamo visto gli hacker seguire le tendenze durante la pandemia e prevediamo che, probabilmente, sfrutteranno i temi del ritorno al lavoro per i loro attacchi nei prossimi mesi”, ha detto Tonia Dudley, consulente strategico di Cofense. “Possiamo aspettarci che, comunque, i lavoratori da remoto continueranno a essere presi di mira. Mentre i datori di lavoro iniziano a riportare il personale in ufficio, è probabile che vedremo portare avanti un modello ibrido di lavoro. Tutti, comunque, saranno oggetto di attacchi di phishing”.

Gli hacker, in genere, si adattano per sfruttare l’ambiente globale. Proprio come il passaggio al lavoro di massa su connessioni remote ha portato a un aumento del numero di attacchi che tentano di sfruttare le credenziali di accesso remoto, è probabile che il numero di attacchi rivolti alle reti locali e ai lavoratori d’ufficio continuerà a crescere nei prossimi mesi. Attenzione. Comunque.

Fonte : https://www.interris.it/rubriche/opinione/phishing-hacker-cambiano-tattica/

L’articolo Phishing: gli hacker cambiano tattica proviene da .