Da Instagram a Microsoft, l’AI spinge sull’accessibilità
9 Maggio 2021
Crea nuove opportunità con blockchain e criptovalute a soli 11,99 euro grazie a Udemy
10 Maggio 2021

Woolaroo: un nuovo strumento per preservare le lingue a rischio di estinzione

Woolaroo: un nuovo strumento per preservare le lingue a rischio di estinzione
Woolaroo: un nuovo strumento per preservare le lingue a rischio di estinzione

Google ha studiato un nuovo modo per preservare le lingue a rischio di estinzione, ossia fornire alle culture gli strumenti di intelligenza artificiale di cui hanno bisogno per proteggerle e l’app Woolaroo è uno degli strumenti creati a tal fine dal colosso di Mountain View.

“Il nostro dizionario non ha una parola per scarpa” ha detto mio zio Allan Lena, quindi quando i bambini gli chiedono come chiamarla in Yugambeh, dice “jinung gulli” – una cosa del piede. Lo zio Allan Lena è un lavoratore in prima linea nella battaglia per insegnare di nuovo la lingua aborigena Yugambeh ai bambini del Queensland sudorientale, in Australia, dove non è stata parlata correntemente per decenni e quindi è – come molte altre lingue in tutto il mondo – in pericolo di scomparendo.

Per le giovani generazioni, anche il linguaggio generale può essere una sfida da capire, ma può essere particolarmente difficile cercare di descrivere oggetti moderni usando lingue indigene come lo Yugambeh. Ad esempio, all’aperto in Australia, è facile insegnare ai bambini le parole per alberi e animali, ma in casa diventa più difficile. La lingua tradizionale non aveva una parola per un frigorifero – quindi diciamo waring bin – un luogo freddo. Lo stesso con un telefono – lo chiamiamo gulgun biral – lanciatore di voci.

Tuttavia, la tecnologia odierna può aiutare a fornire un modo educativo e interattivo per promuovere l’apprendimento e la conservazione delle lingue. Sono particolarmente orgoglioso che Yugambeh sia la prima lingua aborigena australiana ad essere presente su Woolaroo , un nuovo esperimento di Google Arts & Culture che utilizza l’ API di Google Cloud Vision .

Il team dietro lo Yugambeh Museum lavora da tre decenni per aiutare a raccogliere storie culturali e linguistiche locali. Data l’importanza della lingua aborigena per la cultura australiana, abbiamo l’incentivo a registrare le parole conosciute ma in particolare nuove che i membri della nostra comunità stanno usando mentre il mondo si evolve portandoci una nuova tecnologia che non avevamo prima.

Woolaroo  è open source e consente alle comunità linguistiche come la nostra di conservare ed espandere i loro elenchi di parole nelle lingue e aggiungere registrazioni audio per aiutare con la pronuncia. Oggi supporta 10 lingue globali tra cui creolo della Louisiana, greco calabrese, maori, nawat, tamazight, siciliano, yang zhuang, rapa nui, yiddish e yugambeh. Ognuna di queste lingue è un aspetto importante del patrimonio culturale di una comunità.

Fondamentale per le comunità indigene è che Woolaroo ha il potere di aggiungere, modificare ed eliminare completamente le voci nelle loro mani. Così le persone possono rispondere immediatamente a parole e frasi appena ricordate e aggiungerle direttamente.

Quindi, se tu, i tuoi nonni o le persone nella tua comunità parlate una qualsiasi di queste lingue, anche se solo poche parole, potete aiutare ad espandere la crescente copertura di Woolaroo.

Ci auguriamo che le persone apprezzeranno l’apprendimento e l’interazione con una nuova lingua e impareranno a conoscere la diversità delle comunità e del patrimonio che condividiamo tutti insieme.

 

Fonte : https://blog.google/outreach-initiatives/arts-culture/woolaroo-new-tool-exploring-indigenous-languages/

L’articolo Woolaroo: un nuovo strumento per preservare le lingue a rischio di estinzione proviene da .